Evento 

Titolo:
Jena Lu w/Edda @ Reasonanz - Loreto (Ancona)
Quando:
26.04.2019
Categoria:
Artisti vari

Descrizione

 

Venerdì 26 Aprile, ore 23

EDDA il nuovo album "Fru Fru" in tour
EDDA torna con un disco incredibile.
Ci farà ballare, piangere e ridere.

Ascolta 'E se' (primo singolo estratto)
https://youtu.be/5_xByKhMFiY

A distanza di due anni dal precedente disco “Graziosa utopia”, il 22 febbraio è uscito per Woodworm Label “Fru Fru”, il quinto album solista di Edda, al secolo Stefano Rampoldi, ex Ritmo Tribale, astronauta del rock alternativo italiano.

Annunciato dall’uscita del primo estratto “E Se”, “Fru Fru” è un disco inconsueto, inaspettato e maturo, diverso dai precedente.

Stefano Edda Rampoldi: voce e chitarra
Luca Bossi: basso, tastiere
Nick Lamberti: batteria
Francesco Capasso: chitarra elettrica

open act : Jena Lu

https://www.youtube.com/channel/UCvFerXQio35MC0C_Lcf6MiQ

warm&after :  Rudj

@Circolo Reasonanz AssCult - Loreto
Ingresso 8€. Free entry dopo i live.
Servizi cucina e bar riservati ai soci Aics.
Pre-tesseramento online su http://www.reasonanz.com/new/

IL DISCO  FRU FRU
“ I Fru Fru sono i wafer, l'unico biscotto che mi sento di raccomandare in quanto privo di uova. Ma è anche un termine che indica la leggerezza con la quale mi piacerebbe affrontare la vita. Sarà un caso ma la musica che ascoltavo da bambino veniva detta Musica Leggera ed evidentemente questa cosa mi è rimasta dentro. Già con Graziosa Utopia ci eravamo spostati dal rock e questo disco ne è la prosecuzione. Luca Bossi è il produttore artistico e arrangiatore di tutte le canzoni. Oltre a lui hanno suonato i musicisti che mi accompagnano in concerto: Nick Lamberti "one take" alla batteria e il principe Killa chitarra elettrica. Registrato dal nobile Davide Tessari e mixato dall'incandescente Angelo G.Mauro.
“Chant and be happy" è un motto del movimento hare krishna dei primi anni '70, ma va benissimo per descrivere l'obbiettivo che mi sono preposto con fru fru. I suoni sono molto importanti e anche se non ce ne rendiamo conto, influenzano in modo determinate la nostra esistenza. Vanno scelti bene. Di solito i dischi che faccio alla fine non mi piacciono tantissimo, ma questo ancora non mi ha stufato e forse mi rappresenta”.
Ma Edda non ha bandito il rock che è una sua attitudine innata e che trasuda dalla sua voce, nei suoi testi, nei suoi temi, nella grinta dell’atteggiamento e dalla capacità di trascinare nel suo mondo confuso e consapevole allo stesso tempo, che diventa logico nella riflessione pubblica cantata.
Unico protagonista del disco è se stesso, in un monologo in 9 tracce, un lungo flusso di coscienza che travolge, un fiume di parole in libertà che messe insieme costruiscono il mondo di dell’artista, un paese delle meraviglie per adulti cinici, un luogo in cui i pensieri si inseguono vertiginosamente per ritrovarsi in un discorso compiuto, vero e spontaneo. Edda conferma:
“Nel disco non ci sono personaggi, ci sono io, non parlo di temi specifici: passo di palo in frasca seguendo l'istinto. Di solito nasce prima la melodia poi arrivano le parole. La prima cosa che mi viene in testa, la butto giù e vado avanti così, in una specie di stream of consciousness de noi altri.”

EDDA
Stefano Edda Rampoldi, voce dei Ritmo Tribale negli anni ’80 e ’90, torna sulle scene come solista nel 2009 con il folgorante debutto “Semper Biot”. Accasato alla Niegazowana da allora, non si è più fermato: dopo l’EP “Edda In Orbita” del 2010 ed il secondo full-length “Odio i Vivi” del 2012 esce il 28 ottobre il terzo sorprendente capitolo.

Per il nuovo lavoro "Stavolta Come Mi Ammazzerai?”, in uscita per Niegazowana con distribuzione Audioglobe, è stata presa una strada produttiva diversa rispetto ai due dischi precedenti (che erano stati concepiti assieme al co-autore Walter Somà e poi prodotti da Taketo Gohara). Edda ha deciso di mollare il lavoro sui ponteggi ed isolarsi in una sala prove in provincia di Arezzo.

Con un bagaglio di venti brani almeno, alcuni composti in precedenza con Somà, altri che si sviluppano man mano, sperimenta con l’iPad che all’inizio non sa neanche come si accende. Ma soprattutto lavora sulla sua voce, sempre più potente e lacerante, accompagnandosi con la chitarra. Da solo con la Musica a tempo pieno, raggiunge lo stato di grazia che gli permette di scrivere alcune delle canzoni più belle di tutta la sua carriera. L’ispirazione scorre generosa, i testi unici e paragonabili a niente e nessuno si susseguono come un dono dal cielo. Perché è da lì che arriva certa roba. Almeno la scintilla iniziale: “Il primo verso te lo regalano gli Dei; gli altri devi trovarli da te, e adeguarli al primo”, disse Valéry.

Il disco è stato prodotto artisticamente da Fabio Capalbo (regista di videoclip memorabili per Edda, Capossela, Verdena, Dilaila, Toni Bruna…, batterista con IlVocifero e co-titolare dell’etichetta Niegazowana assieme a Massimo Necchi che di questo disco è produttore esecutivo) che ha raggruppato e coordinato una nuova squadra di lavoro attorno ad Edda.

Una strada nuova che porta ad un album più immediato e d’impatto, meno ostico. Questo è il disco rock di Edda, suonato nel suo nucleo essenziale da una band tradizionale (basso, chitarra, batteria). Il disco che i fans dei tempi dei Ritmo Tribale aspettavano. Il disco che chi ama la vasta gamma di voci e la dirompente energia sprigionata nei live si aspettava. Il disco che Edda stesso voleva realizzare e gli esplodeva dentro. 100% Edda. Senza filtri, senza compromessi. Sempre nudo.

(testo di Elisa Russo)

〰️〰️〰️〰️〰️〰️〰️〰️〰️
Circolo Culturale Reasonanz
via Leonessa c/o “ex tiro a volo”
Riservato ai soci A.I.C.S. 2018/19
Quota 8€/anno. Tesseramento online su
http://www.reasonanz.com/new/
Aperto dal Venerdì alla Domenica dalle 19
e in caso di attività extra come da calendario.
www.reasonanz.com / reasonanz@gmail.com
Tel/sms +39 3890016545 (no whatsapp)

FB Reasonanz AssCult / IG @reason.anz
#reasonanz #reasonanzasscult

Archivio eventi