Evento 

Titolo:
i Fasti @ Blah Blah - Torino
Quando:
01.11.2018
Categoria:
Artisti vari

Descrizione

 

giovedì 1° novembre 2018
dalle 22.00

ifasti sonorizzano dal vivo e raccontano
"the warriors" di walter hill del 1979 (un cut-off del film)

a seguire tdanze dj set by furfi

IFASTI
iFasti sono due bassi, computer, due chitarre elettriche e una voce.
Nati nell'inverno 2008 dalle ceneri dei Seminole, storica band del DIY italiano, alle spalle hanno un passato personale di attivismo, protesta, associazionismo culturale e collettivi sociali.
iFasti sono parole scomode accompagnate da beat elettronici in un viaggio teatrale nei mali del mondo. Sono composizioni irriverenti dritte allo stomaco.
Nell'inverno 2009 pubblicano il loro primo EP "Lei si è alzata dal sordo mormorio": alcune delle canzoni sonorizzano il video indipendente del regista Umberto Ponti, "Epidemia Chimica".
Nello stesso anno sono tra i promotori della compilation autoprodotta "Un disco grezzo, un disco che ci impegna" che vede la partecipazione di quindici band torinesi unite dall'intento di prendere posizione su temi sociali tra cui l'uso di psicofarmaci sui bambini e la violenta discriminazione subita dagli immigrati.
Ad aprile 2010 realizzano "Ovatta" il loro primo LP: il disco è stato completamente arrangiato, registrato e mixato dalla band stessa.
A dicembre 2011 pubblicano “Morula“, EP ibrido composto da tre canzoni, quattro racconti e tante immagini: il disco è nato all’improvviso e registrato di getto, in una sola notte, durante alcuni live tra Emilia Romagna e Liguria.
Nel 2012 sono tra gli interpreti della colonna sonora virtuale del libro “La Faglia” di Massimo Miro (Maestrale Edizioni) e nello stesso anno si esibiscono in occasione della giornata mondiale dei musei in musica.
A settembre 2012 compongono la colonna sonora per “OFF. In viaggio nelle città fantasma del ordovest“, opera letteraria di Marco Magnone (Espress Edizioni). Il libro è stato allegato a La Stampa e distribuito in tutte le librerie della penisola.
Dal vivo la band alterna concerti elettrici a performance di pura sperimentazione, sonorizzazioni di libri o pellicole e reading. In questi anni iFasti hanno condiviso il palco con Titor, I Treni All'Alba, Fine Before You Came, C.G.B., Lo Stato Sociale, Uochi Toki, Luci Della Centrale Elettrica, Kina, Karl Marx Was a Broker... e hanno preso parte a importanti appuntamenti come Era Spaziale Festival, NoFest!, Punk Monster Fest, If The Bomb Falls, Diy Yeah Fest...

www.ifasti.it
www.facebook.com/ifasti
www.youtube.com/user/ifastivideo


IL FILM
New York. La sera del 13 luglio 1979 viene proclamata una tregua tra tutte le bande giovanili che controllano i quartieri della città per permettere una grande adunata in un parco del Bronx, organizzata da Cyrus, leader della banda dei Riffs, a cui ogni banda può partecipare con una delegazione disarmata di nove elementi.
L'uomo è un leader carismatico, acclamato dalle delegazioni delle bande giovanili. Avvolto in un kimono di seta arringa la folla e propone di unire tutte le forze disponibili, sfruttando la preponderanza numerica sulle forze dell'ordine, con il fine di sottrarre il controllo dei quartieri alla criminalità legalizzata della polizia.
Nonostante l'accordo, lo psicopatico Luther, capo della gang dei Rogues, uccide Cyrus a colpi di pistola. Fox, uno dei membri dei Warriors, una banda di Coney Island vede l'assassino. Luther gli punta la pistola ma accecato da alcuni riflettori, non riesce a sparargli, così urla ai Riffs che a sparare a Cyrus sia stato Cleon, il leader della delegazione dei Warriors.
L'irruzione della Polizia disperde le bande e la notizia dell'assassinio di Cyrus trapela dalla radio ufficiale delle gang attraverso la speaker Dolly Bomba, diffondendo la disposizione di catturare i Warriors, accusati di aver ucciso Cyrus. I Riffs sono una banda di afro americani, numerosa e con preparazione paramilitare.
I Warriors, rimasti in 8 e disarmati, devono tornare nel loro territorio di Coney Island, distante più di cinquanta miglia e, dopo aver affrontato un gruppo di rasati a zero, i Turnbulls Ac's, riescono a salire sulla metropolitana, non prima di avere risolto il problema della leadership, sorto tra Swan, ragazzo di buon senso e nominato da Cleon capoguerra, ed Ajax, duro del gruppo. Un incendio scoppiato in una galleria li costringe tuttavia a proseguire a piedi e a scontrarsi con le varie bande che incontreranno lungo il percorso. Significativa è la battaglia contro i Baseball Furies, che montano la guardia all'esterno della metropolitana sulla 96ª strada e appaiono silenziosi agitando delle mazze. Inizialmente i Guerrieri devono fuggire a causa dell'inferiorità numerica, poi hanno la meglio in uno scontro al Riverside Park.
Il gruppo inizia a perdere degli elementi: Fox viene gettato sotto un treno da un "elmetto", un poliziotto con cui stava lottando e Ajax viene arrestato per aver molestato una ragazza in un parco, in realtà un'esca della polizia. Spettacolare lo scontro a Union Square con una banda di ragazze, le Lizzies, all'apparenza ospitali ma che tentano di ucciderli dopo averli invitati nel loro covo.
Nel frattempo, al gruppo di Swan si unisce Mercy, una ragazza della banda degli Orfani, attratta da Swan. Riunitosi agli altri dopo la morte di Fox, egli sosterrà, in un bagno pubblico della fermata di Union Square, una violenta rissa con la banda dei Punks.
Swan e i suoi riescono a raggiungere la destinazione dove sono attesi da Luther, deciso a eliminare i componenti della gang e potersi così guadagnare la reputazione di vendicatore. Swan non smentisce il suo carattere indomito, e, nonostante Luther lo minacci con la pistola, riesce a disarmarlo con il lancio di un coltello.
Sulla spiaggia di Coney Island Warriors e Rogues vengono raggiunti dai Riffs, che hanno scoperto la responsabilità dei Rogues. I Guerrieri vengono lasciati andare mentre i Riffs si chiudono intorno ai Rogues per fare giustizia. La notte, come la battaglia per la sopravvivenza dei Guerrieri, è conclusa, e i ragazzi tornano alle loro case mentre il sole già splende basso sul mare.

Archivio eventi