TSAO !

 

Mantrica è il primo lavoro degli TSAO!

Il collettivo musicale formatosi nel 2016 (e figlio illegittimo dei NonostanteClizia, band nella quale militavano 3/4 del progetto attuale) propone una miscela caratterizzante di psichedelia moderna, imbrigliata dal Krautrock di stampo teutonico e che guarda con curiosità ai ritmi tribe. Senza perdere il gusto pop per la canzone, i pezzi vengono arrangiati e riamalgamati in una veste ben lontana dai canoni della canzone italiana, e guardano con più passione alle sperimentazioni che alla rincorsa del tormentone. La sfida forse più singolare e originale è proprio quella di voler dar spazio a un genere difficilmente affrontato con testi in italiano.

Il lungo ep – o breve disco – è stato registrato in presa diretta all'Audiomokette Studio di Torino, proprio per cercare di mantenere viva la natura suonata del progetto, e per restituire il più fedelmente possibile le emozioni del live, non intaccando l'inter-play e non nascondendo le piccole sbavature d'interpretazione, marker di sincerità sonora.

Il titolo Mantrica vuole sottolineare la natura circolare del lavoro, infatti sia le musiche che i testi assumono un linguaggio a circuito chiuso, che trova nelle ripetizioni sia la volontà di ascesi di una musica nelle intenzioni spirituale, sia le venature più nevrotiche, figlie di tensioni irrisolte nei testi e di influenze math nelle musiche.Dal punto di vista delle liriche, il lavoro è un concept mancato sul mare, che attraversa la delusione amorosa, i bar, gli ospedali e la malattia, rifiutando i finali consolatori. I pezzi che compongono il disco sono spesso lunghi viaggi, e si fondono l'uno nell'altro, creando un unico grande percorso finalizzato all'ascolto unitario. Il respiro va preso all'inizio e alla fine, come un tuffo nel mare, o un apnea prolungata.

GUIDA ALL'ASCOLTO

1) Amores Perros

Si palesa da subito il topos letterario del lavoro: il mare usato come metafora,  promessa dialogica con un tu femminile indefinito, tradente o tradito, e allo stesso tempo, nella seconda strofa, un male indicibile e passato, uno strappatura, uno scisma. I riferimenti sono da una parte quelli del post-hardcore e nelle parti musicali si palesano le passioni Kraut.

2) SP 456

La Strada Provinciale 456 – rinominata strada del Turchino – è una stradale che collega Asti al mare, più precisamente a Genova Voltri, passando dal luogo della nostra infanzia e fondazione, Acqui Terme, e che permette di raggiungere il mare senza prendere l'autostrada.
Un percorso pregno di significato, i ricordi dell'infanzia si mischiano a un oggi problematico e a un tributo speciale ai nostri territori; la liguria vista come una promessa dei giorni festivi, simbolo di un esotismo provinciale: una via salvifica percorribile in meno di un'ora.

3) Iron Girl

Manifesto musicale dell'e.p, si smascherano in particolare i chiari riferimenti a band come i Beak e i Follakzoid, in un tributo che è anche una ricerca identitaria.

4) Egomania

Pezzo dalle sonorità più ruvide, è una ballad rock-shoegaze sui locali visti come luoghi della non-socialità. La canzone narra per immagini il rapporto tra l'ego, l'alcool e il femminile.

5) Eclissi

A chiudere il disco la canzone dalla testualità più scura e narrativa, con un caledeoscopico finale: una storia d'amore o di amicizia e il rapporto con una malattia incurabile, gli ospedali e i medici, che curano per lavoro senza conoscere le storie umane nascoste dietro dietro le malattie.

 

[info e contatti]

https://www.facebook.com/tsaoband/

PRESS-REVIEW